Castelli Piemontesi
Castelli Piemontesi  
   
 



Itinerari - Castelli Piemontesi
ITINERARI TRA I CASTELLI
C’è una regione in cui, quasi ovunque, sulla linea dell’orizzonte si staglia solenne, massiccia e severa, la sagoma di un castello. E’ il Piemonte. Oggi molti proprietari, consapevoli di essere gli eredi di un patrimonio storico affascinante e poco conosciuto, hanno deciso di aprire le loro dimore ai visitatori e di proporle come scenario per eventi e cerimonie.
Il turismo culturale, capace di coniugare le bellezze paesaggistiche con i pregi architettonici, la storia con le leggende, la curiosità e la gastronomia, può trarre spunto dagli itinerari che qui si propongono.

Castello di Torre Ratti, Novi e Alessandria


Castello di Torre Ratti (Borghetto Borbera-AL): recentemente restaurato, sorge in un parco sul greto del torrente Borbera. Risale all’ XI secolo, mentre un documento del 1413 descrive l’ampliamento di Filippo Maria Visconti. E’ stato per secoli feudo dei Rati Opizzoni.
cicalurani@libero.it
348 8400323

Nelle vicinanze:
Novi Ligure : centro storico con splendide facciate affrescate . Museo dei campionissimi (Coppi e Bartali )
Alessandria : Museo del cappello Borsalino ( 0143 326463) e affreschi medievali delle Stanze di re Artù ( 0131 234 794), aperti entrambi venerdì, sabato e domenica pomeriggio.


I castelli tra Alessandria e Asti: Redabue, Monale e Borgo Corveglia

Castello di Redabue (Masio-Alessandria): Sorto a controllo della media valle del Tanaro, è stato teatro di scontri per il dominio del Monferrato, prima tra i Paleologo e i Visconti, poi tra gli Spagnoli e i Savoia. Interessante la chiesa, a pianta circolare, disegnata da Juvarra, celebre architetto del ‘700.
www.redabue.it
348 8400323

Castello di Monale: citato fin dal 1161 e appartenuto a ricchi banchieri astigiani nel settecento, è ancora proprietà dei loro eredi che lo hanno recentemente restaurato.
www.castello-scarampi.it
0141 669116

Borgocorveglia, a 7Km da a Villanova d’Asti, è sorto nel XV secolo sulle strutture dell’Ospedale retto dagli Agostiniani. Sale a volta, colonne e un bellissimo campanile romanico.
corveglia@yahoo.it
011.9453179

Nelle vicinanze:
l’Abbazia di Santa Maria di Vezzolano, il più famoso monumento romanico dell’astigiano, e le chiese di San Secondo di Cortazzone, sulla collina di Mongiglietto, e di San Lorenzo, a Montiglio Monferrato.



I castelli dell’Alto Monferrato

Intorno a Ovada, ad una distanza media di 7 Km, si possono visitare ben sei castelli, ma è meglio suddividere il percorso in più giorni per assaporare lo charme di queste antiche residenze. Se ne propone l’abbinamento a titolo indicativo.


Prasco, Morsasco e Orsara Bormida.

Castello di Prasco: mantiene una struttura feudale, con sala d’armi e prigione. Nel parco una splendida neviera secentesca. Ospita il centro studi sull’opera di Giorgio Gallesio, grande naturalista del ‘700, autore della Pomona Italiana.
gallesiopiuma@libero.it
0144 375769

Castello di Morsasco: circondato dalle case dell’antico ricetto, è oggi dimora signorile dai saloni affrescati. Organizza ogni anno, a fine aprile, una suggestiva manifestazione sulla falconeria e la giostra medievale.
castellodimorsasco@libero.it
0144 73136

Castello di Orsara Bormida: nato come torre d’avvistamento nell’ XI secolo, ingrandito nel XIII con una seconda torre ottagonale, è stato trasformato in residenza signorile nel ‘700 I suoi vigneti producono vini DOC, offerti agli ospiti.
www.orsara.com
0144.367016

Villa Schella, Molare e Cremolino Villa Schella: dimora ottocentesca tra Ovada e Molare, è immersa in un parco con alberi secolari e specie esotiche.
www.villaschella.com
0143 80324

Palazzo Tornielli ( Molare): edificato nel 1834 ha una facciata neoclassica e, all’interno, uno scalone scenografico, affreschi e sculture.
federicotornielli@alice.it
333 4460736

Castello di Cremolino: feudo principale dei Malaspina in Monferrato, vi si accede da un ponte levatoio. Mantiene intatta la sua impronte medievale e gode di uno splendido panorama.
castellodicremolino@msn.com
0143 879970

Castelli di Tagliolo e Rocca Grimalda. Castello di Tagliolo: feudo imperiale dal 967, proprietà dei marchesi Pinelli Gentile dal 1498, circondato dal suo borgo medievale, domina un’ampia zona di vigneti, tra i migliori per la produzione di vini pregiati.
www.castelloditagliolo.com
0143 89195

Castello di Rocca Grimalda: a picco sull’Orba, custodisce un borgo immutato nel tempo.
I Grimaldi hanno completato il castello alla fine del ‘700 con un giardino all’Italiana, recentemente restaurato.
castello.roccagrimalda@gmail.com
334 3387659

A poca distanza dal castello:
il museo della Maschera che, oltre alla maschera locale (“La Lachera”) ne conserva molte di origine medievale, provenienti da tutta Europa.
349 4119180.


Castelli di San Giorgio Monferrato e Camino

Castello di San Giorgio Monferrato: pare sia il più antico del Monferrato. Degli Aleramici fino al 1305, fu poi proprietà dei Paleologi e dei Gonzaga. Oggi ha un’imponente facciata neogotica.
mariacristinacrotti@interfree.it
0321 34680

Castello di Camino: sorto in posizione strategica sulla riva destra del Po, si compone di un corpo quadrangolare merlato e di una torre costruita dagli Aleramici. Ben restaurato, mantiene molte parti originali, tra cui il cortile quattrocentesco.
www.castellodicamino.it
0142 469134

Castelli di Piovera, Giarole e Castellengo: tra Alessandria e Biella Castello di Piovera: costruito interamente di mattoni nel XIV secolo sotto i Visconti di Milano sulle rovine di un convento, fu fortezza e residenza marchionale. Appartiene oggi ai conti Calvi di Bergolo. Circondato da un fossato e da un vasto parco, ha una struttura molto scenografica.
castelpiovera@tiscali.it
0131 698128

Castello di Giarole: nel 1163 l’imperatore Barbarossa autorizzava i cavalieri Sannazzaro a costruire il castello che da allora appartiene alla stessa famiglia. Ha ospitato re ed imperatori. Ha decorazioni interne ottocentesche, di gusto neogotico e neorinascimentale.
www.castellosannazzaro.it
0142 68124

Castello di Castellengo (Cossato -Biella)
Vanta origini antichissime. Trasformato in dimora signorile nel XVII secolo, è immerso nel verde di alberi secolari. Gli attuali proprietari lo hanno restaurato con cura: affreschi stucchi e giardini terrazzati. Le cantine ospitano la casa vitivinicola Centovigne.
www.castellengo.it
015 925036

Nelle vicinanze:
Ricetto di Candelo, uno dei borghi storici più belli d’Italia, e il Santuario di Oropa, a 1200 mt. slm. Forse fondato nel IV secolo è oggi un maestoso complesso, opera dei più grandi architetti sabaudi.


La villeggiatura in provincia di Cuneo: Tenuta i Berroni, Villa Oldofredi Tadini

Villa Oldofredi Tadini (Cuneo): signorile dimora di campagna, affacciata su un bel parco ricco di curiosità botaniche. Tra le sue mura sono state scritte molte pagine importanti della storia risorgimentale. Cappella settecentesca e saloni mantenuti nell’aspetto originario.
www.villaoldofreditadini.it
0171 611489

Tenuta I Berroni (Racconigi - Cuneo): costruita nel 1773 come dimora di villeggiatura per il nobile De Laugier, era isolata in campagna ma del tutto autosufficiente. Splendidi il parco e la cappella. Interni e arredi eseguiti dagli artisti al lavoro nel castello di Racconigi.
www.tenutaberroni.it
0172 813186


Nelle vicinanze:
castello reale di Racconigi, sontuosamente arredato. Magnifico parco.  


Per maggiori informazioni consultare il sito dell’Associazione Castelli aperti del Piemonte www.castellipiemontesi.it,
oppure contattare la Segreteria: 334 376 9833 – 334 338 7659


 
 
LINKS:
•  Castelli Aperti
•  Matrimoni in ville e castelli
    del Monferrato
Guarda i video dei Castelli Piemontesi
Guarda i video dei Castelli Piemontesi
 
ENTI PROMOTORI:
Regione Piemonte
Regione Piemonte
 
PARTNERS
ADSI - Associazione Dimore Storiche Italiane
 
Giardini Aperti in Liguria
 
Castelli Aperti del piemonte su Google maps
 
Guarda i video dei Castelli Piemontesi
Guarda i video dei Castelli Piemontesi
 
  © Castelli Aperti del Piemonte 2014 - C.F. 90033170045 - Powered by Blulab